Cos’è una VPN e Perché Te Ne Serve Una in Italia (2019)

Last Updated by Gray Williams on luglio 11, 2019
Una Virtual Private Network, o VPN, può aiutarti a bypassare le restrizioni geografiche, migliorare la tua sicurezza e garantirti anonimato totale in rete.

Una VPN è uno strumento che modifica il tuo indirizzo IP reindirizzando il traffico internet e connettendoti a un server sicuro in un luogo diverso, facendo sembrare che il tuo computer sia proprio in quel luogo.

In pratica, questo ti rende anonimo online. Questi sono i tre usi più comuni di una VPN:
  1. Sicurezza in reteUna VPN ti assegna un indirizzo IP completamente nuovo e fa sembrare che ti trovi in una posizione diversa da quella in cui sei realmente. In questo modo, diventa sempre più difficile essere intercettato dal governo, dal tuo Internet Service Provider (ISP) e dagli hacker. Anche se una VPN non garantisce l’anonimato completo, aumenta notevolmente la tua privacy durante navigazione in rete, a sua volta migliorando la tua sicurezza.
  2. Accesso a contenuti geograficamente limitati Connettendoti ad un server remoto riceverai un nuovo indirizzo IP assegnato in base alla posizione del server. Questo significa che potrai guardare programmi su piattaforme come Netflix (supponendo che la VPN possa bypassare il sistema di rilevamento di Netflix), o visualizzare un canale YouTube a cui non avresti potuto accedere dalla tua posizione.
  3. Superamento della censura online Che si tratti di un firewall aziendale o universitario, o di un paese come la Cina che censura pesantemente i contenuti online, una VPN sarà in grado di aggirare la censura collegandosi a un server remoto a tua scelta.

Ora che sai cos’è una VPN e quali sono i suoi usi più comuni, diamoci un’occhiata più da vicino.

Navigazione veloce:

I 4 vantaggi principali dell’utilizzo di una VPN

Avendo esaminato alcuni degli usi più comuni di una VPN, ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a comprendere a fondo come può esserti utile una VPN:

1Accesso a contenuti bloccati da qualsiasi luogo

Dovunque tu sia, in viaggio d’affari o in vacanza, vuoi ancora guardare tutti i tuoi programmi preferiti, giusto? Beh, alcuni paesi bloccano piattaforme come Netflix, Hulu, BBC iPlayer e YouTube, per citarne solo alcune. Questo significa che invece di poter procedere con la tua routine di navigazione, dovrai affrontare un fastidioso messaggio di errore dopo l’altro. Per fortuna, una VPN può aiutarti a bypassare i blocchi geografici. Detto questo, piattaforme come Netflix utilizzano un software avanzato di rilevamento VPN, quindi assicurati di scegliere un servizio in grado di bypassare questi blocchi.

2Tieniti al sicuro online

Utilizzi online banking? Forse hai inviato un messaggio ad un amico su Facebook con i tuoi dati bancari, in modo che possa inviarti dei soldi? In tal caso, potresti aver lasciato la porta spalancata agli hacker, soprattutto se stavi utilizzando un hotspot Wi-Fi pubblico. Con una VPN, risulterai in una posizione completamente diversa, sfuggendo così agli hacker e ad altri ficcanaso. E le VPN non si limitano a questo, ma spesso utilizzano le più avanzate tecnologie di crittografia per proteggere i tuoi dati.

3Bypassa la censura

Decine di paesi in tutto il mondo censurano contenuti perché non sono in linea con le loro convinzioni politiche o religiose. Purtroppo, in molte parti del mondo, questa è un’efficace forma di repressione. Alcuni dei paesi più famosi per via delle severe leggi sulla censura online comprendono, tra gli altri:
  • Birmania
  • Vietnam
  • Tunisia
  • Siria
  • Iran
  • Arabia Saudita
  • Cina
  • Russia
  • Emirati Arabi Uniti

4Risparmia

Una cosa che forse non sai è che una VPN può effettivamente farti risparmiare. Come? Beh, molte piattaforme di e-commerce mostrano agli utenti prezzi diversi in base alla loro posizione. Per fortuna, connettersi ad un server in una posizione completamente diversa può darti accesso a prezzi più economici. Ad esempio, se un volo che stai cercando di prenotare dagli Stati Uniti al Regno Unito è molto costoso, potresti trovarlo ad un prezzo più basso connettendoti ad un server in India. È un’ottima cosa da tenere a mente se viaggi molto o se vai in vacanza con regolarità. Con una VPN, è possibile risparmiare somme notevoli su voli, noleggio auto, alloggio e altri acquisto online.

I diversi tipi di protocolli VPN

La misura in cui la tua VPN protegge il tuo traffico online dipende dal protocollo che utilizza. In poche parole, scegliere il protocollo giusto ti assicurerà il livello di crittografia di cui hai bisogno durante la navigazione sul web.

Network VPN Ecco cinque dei protocolli VPN più comunemente usati:

1. PPTP

Il Point-To-Point Protocol (PPTP) è il veterano dei protocolli VPN, ma offre livelli di sicurezza molto bassi. Anche se è integrato praticamente su tutte le piattaforme, è disponibile solo con crittografia a 128 bit. Inoltre, la NSA può decifrare i dati crittografati attraverso PPTP, il che significa che terzi potrebbero hackerarli e acquisire le tue informazioni personali. Per quanto Microsoft lo abbia reso leggermente più difficile da craccare, l’azienda raccomanda comunque l’uso di L2TP/IPSec o SSTP, piuttosto che PPTP.

2. L2TP

Il Layer 2 Tunneling Protocol (L2TP) è simile al PPTP perché è facile da usare sulle piattaforme principali. La differenza chiave è che L2TP non cripta nulla da solo, motivo per cui viene utilizzato con IPSec. Ma, anche se usato in combinazione con IPSec, L2TP presenta limitazioni simili a quelle del PPTP. Oltre al fatto che la NSA è in grado di craccare il protocollo L2TP, questo protocollo utilizza chiavi pre-condivise per poter funzionare con la tua VPN. Purtroppo, queste danno agli hacker la possibilità di spiare il server VPN. Detto questo, il protocollo offre velocità migliori.

3. SSTP

Il Secure Socket Tunneling Protocol (SSTP) è il nuovo e più sicuro protocollo VPN di Microsoft. Non solo questo protocollo usa SSL 3.0, ma riesce anche ad affrontare i firewall abbastanza bene. Inoltre, se sei alle prese con problemi di censura, puoi usare la porta TVP 443. Nonostante le sue ottime funzionalità e il fatto che sia molto più sicuro del PPTP, esistono alcuni rischi di sicurezza legati al protocollo SSTP, soprattutto perché SSL 3.0 è stato bersaglio di attacchi POODLE.

4. IKEv2

Internet Key Exchange, versione 2, è un protocollo di tunneling disponibile nativamente solo su poche piattaforme. Si tratta di un robusto protocollo VPN se abbinato alla giusta crittografia AES. Detto questo, il suo principale vantaggio è il livello di stabilità che offre. Anche dopo interruzioni temporanee, il protocollo continua a funzionare normalmente.

5. OpenVPN

OpenVPN è il protocollo più favorevole perché anche la sua configurazione più scadente è impressionante. Inoltre, OpenVPN offre varie opzioni di configurazione disponibili, il che significa che è possibile personalizzarlo per godere di maggiore velocità o maggiore sicurezza. In più, OpenVPN funziona su quasi tutte le porte, inclusa la porta 443, che aiuta a prevenire i blocchi. In sintesi, questo è il miglior protocollo VPN e dovresti usarlo laddove possibile.

Le VPN sono sicure?

Virtual Private Network (VPN)Quando si parla di quanto sia sicura una VPN, è difficile dare una risposta positiva o negativa, perché non esistono due servizi identici in termini di funzionalità di sicurezza. La sicurezza della VPN dipenderà dalla tecnologia e dai protocolli utilizzati dal provider. Inoltre, anche la posizione del fornitore VPN e la sua politica individuale sulla privacy influenzeranno la sicurezza. Se si vuole essere sicuri di scegliere una VPN sicura, è necessario verificare che il provider non si trovi in uno dei paesi delle alleanze 5 Eyes, 9 Eyes e 14 Eyes, che collaborano per raccogliere e condividere i dati di sorveglianza di massa.

In poche parole, qualsiasi fornitore con sede in un paese di una di queste alleanze di sorveglianza internazionale potrà spiare e registrare le tue attività online.

Ecco un’analisi dettagliata dei paesi di queste alleanze:

5 Eyes

  • Stati Uniti d’America
  • Canada
  • Nuova Zelanda
  • Regno Unito
  • Australia

9 Eyes

  • Norvegia
  • Danimarca
  • Francia
  • Paesi Bassi

14 Eyes

  • Italia
  • Spagna
  • Belgio
  • Germania
  • Svezia

Le VPN sono legali?

Nella maggior parte dei casi, le VPNs sono completamente legali.

La verità è che il concetto di VPN è piuttosto recente. Come nel caso di molti strumenti online, le VPN possono essere usate nel bene e nel male. Ciò significa che, pur essendo legali nella maggior parte del mondo, sono vietate in alcuni paesi.

In linea generale, è legale usare una VPN in paesi come gli Stati Uniti, il Regno Unito, in Europa, in Australia e in Nuova Zelanda, tra gli altri. D’altro canto, le VPN non sono legali in paesi come la Cina, la Turchia, l’Iraq e decine di altri. Si tratta nella maggior parte dei casi di paesi con severe leggi sulla censura. La legittimità di una VPN dipende dalla tua posizione fisica piuttosto che dalla tua nazionalità. Ad esempio, se sei americano ma ti stai recando in Cina per le ferie, utilizzare una VPN durante il viaggio non è legale. Anche se potrai farla franca nella maggior parte dei casi, se vieni scoperto potresti essere soggetto a una sanzione di entità significativa.

Le VPN ti rendono anonimo online?

Anche se molti provider affermano di offrire anonimato completo quando si naviga sul web, la verità è che una VPN garantisce la privacy, non l’anonimato.

Sì, una VPN ti assegnerà un indirizzo IP completamente nuovo da un server in una posizione diversa, ma il provider VPN potrà ancora visualizzare i tuoi dati di navigazione. In effetti, nessun server VPN può funzionare senza conservare i log, altrimenti non sarebbe in grado di rispondere alle richieste DNS o di risolvere i problemi di connessione. Tuttavia, la differenza fondamentale è che i migliori provider VPN non conservano i log dei tuoi dati effettivi. Questo significa che anche ricevendo un’ordinanza del tribunale per consegnare informazioni sulla tua attività di navigazione online, non potranno farlo. Questo è particolarmente vero se non fanno parte di nessuna delle alleanze sopra menzionate.

Pur non garantendo completo anonimato, una VPN è comunque un ottimo strumento per migliorare la privacy durante la navigazione sul web. Detto questo, se si desidera anonimato completo, è necessario accoppiare una VPN con Tor, una rete aperta che non raccoglie alcuna informazione utente.

Come iniziare

Prima di scegliere una VPN, è necessario pensare alle ragioni per cui si intende utilizzarne una. Alcune delle ragioni principali che si possono citare sono:
  • Privacy – Potresti voler nascondere i tuoi dati di navigazione al tuo ISP, alle agenzie governative, agli hacker e agli inserzionisti.
  • Sconfiggere la censura – Una VPN può darti accesso ai contenuti che vengono bloccati dal tuo governo, lavoro, o scuola, collegandoti a un server in un luogo in cui questi contenuti sono accessibili.
  • Vedere contenuti geograficamente limitati – Piattaforme come Netflix, Hulu e BBC iPlayer, tra le altre, limitano i loro contenuti a posizioni specifiche. Nascondendo la tua posizione reale, puoi accedere ai tuoi contenuti preferiti da qualsiasi luogo.
  • Condivisione di file – Se si usa il P2P per la condivisione, l’uso di una VPN può proteggere il tuo indirizzo IP da terzi che scaricano lo stesso contenuto. Inoltre, il tuo ISP non sarà in grado di vedere il contenuto che stai scaricando.
  • L’uso di un hotspot Wi-Fi pubblico – Gli hacker creano hotspot gemelli nella speranza che ti connetterai ad essi quando ti trovi nella tua caffetteria locale o in aeroporto. Una VPN crittografa i dati, aggiungendo un ulteriore livello di protezione quando si utilizza la rete Wi-Fi pubblica.

Come configurare una VPN

Con la giusta configurazione, dovrebbe essere impossibile per un sito web «vedere» il tuo indirizzo IP. Inoltre, dovrebbe anche essere impossibile «vedere» l’indirizzo IP che il tuo ISP ti ha assegnato. Questi sono gli identificatori che gli individui e i governi useranno per tenerti sotto controllo.

Quindi, una volta attivata la VPN, controlla che non ci siano perdite di informazioni. Puoi farlo controllando il tuo indirizzo IP una volta che ti sei connesso a un server VPN. Se c’è scritto che sei nella posizione che hai scelto, hai avuto fortuna. In caso contrario, è necessario contattare il team di assistenza clienti del servizio VPN in modo che possano risolvere il problema.

Le VPN rallentano internet?

Ebbene si, una VPN può rallentare la tua connessione internet perché i tuoi dati devono viaggiare attraverso il server VPN. E non solo. La VPN cripta e decripta i tuoi dati, il che richiede più tempo ed energia. In realtà, la velocità di internet varia a seconda del server scelto. Come regola generale, più è lontano il server, più lenta sarà la tua connessione internet perché ci vorrà più tempo prima che i tuoi dati arrivino a destinazione. Se ci si connette ad un server nelle vicinanze, si noterà a malapena una differenza nella velocità di internet.

Per utilizzare una VPN occorre un ISP?

Il tuo ISP e la tua VPN ti offrono servizi completamente diversi. Tenendo presente questo punto, la tua VPN non sostituirà la necessità di un ISP. Innanzitutto, è il tuo ISP che ti permette di connetterti a internet. La VPN cripta semplicemente i tuoi dati quando svogli attività sul web.

Cosa cercare quando si sceglie un servizio VPN

Oggigiorno, esistono centinaia, se non migliaia di provider VPN tra cui scegliere. In questo senso, al momento di prendere una decisione finale, opta per le seguenti funzionalità:
  • Un vasto repertorio di server – Assicurati che il provider scelto abbia una selezione di server nel paese o nelle località che preferisci.
  • Crittografia di livello militare – Il fornitore che scegli dovrebbe offrire una crittografia AES a 256 bit, una rigorosa politica «no log», un kill switch automatico, protezione contro le perdite DNS e IP, così come una discreta scelta di protocolli di sicurezza tra cui scegliere.
  • Un’app per tutti i dispositivi – Assicurati che il fornitore che selezioni abbia un’app facile da usare per i tuoi dispositivi preferiti.
  • Velocità elevate – Se desideri utilizzare una VPN per scaricare o riprodurre contenuti in streaming, assicurati che offra la massima velocità possibile per evitare il buffering. Inoltre, se hai intenzione di usare Torrent, assicurati che il servizio sia in grado di usare il protocollo P2P per la condivisione dei file e che offra una larghezza di banda illimitata senza throttling.
  • Assistenza – Che siate esperti in materia di tecnologia o meno, è importante poter contare su un team di assistenza per rispondere a qualsiasi domanda o risolvere eventuali problemi man mano che si presentano. Cerca un servizio con un’assistenza via chat, telefono o e-mail disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
Prima di prendere una decisione finale, ricorda che una VPN non ti costerà una fortuna. Infatti, attualmente molte tra le migliori VPN costano meno di €5 al mese.

I migliori fornitori VPN

La scelta della migliore VPN dipenderà dalle tue esigenze specifiche. Tuttavia, ecco un elenco dei migliori fornitori VPN che offrono tutte le funzionalità sopra elencate:
Classifica
Nome del provider
I nostri punteggi
Prezzo
La migliore
1.
La migliore
NordVPN
$2.99 / mese
Risparmia il 75%
La migliore
2.
La migliore
ExpressVPN
$6.67 / mese
Risparmia il 48%
La migliore
3.
La migliore
CyberGhost VPN
$2.75 / mese
Risparmia il 77%
La migliore
4.
La migliore
Surfshark
$1.99 / mese
Risparmia il 83%
La migliore
5.
La migliore
PrivateVPN
$1.89 / mese
Risparmia il 73%
Questi sono tutti servizi a pagamento che prevedono un periodo di prova gratuita o un periodo di garanzia di rimborso.

Posso usare una VPN su più di un dispositivo?

VyprVPN

Si, puoi usare una VPN su più di un dispositivo. Infatti, la maggior parte dei provider VPN sopra elencati dispongono di un’app dedicata per tutti i tipi di dispositivi e sistemi operativi.

Se si desidera utilizzare la VPN su più di un dispositivo, assicurati che il provider scelto offra questa funzionalità. Se lo fa, assicurati che abbia un’app per TUTTI i tuoi dispositivi preferiti. A questo punto, basterà scaricare la relativa app, scegliere un server nella posizione che preferisci e cliccare su o selezionare «Connetti».

Su quali dispositivi funziona una VPN?

ExpressVPN devices I dispositivi su cui funziona una VPN dipendono dal provider. In generale, la maggior parte delle VPN funziona su dispositivi Apple, Windows e Android. Detto questo, ci sono altre VPN più avanzate che funzionano anche su dispositivi come Linux, Kodi, smart TV e persino router. È inoltre opportuno ricordare che alcuni servizi VPN gratuiti funzionano solo su dispositivi specifici. Tenendo questo a mente, per evitare delusioni, assicurati di confermare con il tuo provider prima di iscriverti o di acquistare un abbonamento.

Le VPN conservano i file di log?

Quando si tratta di conservare i registri, le politiche variano a seconda del fornitore. È quindi estremamente importante verificare la politica del fornitore prescelto prima di registrarsi, in quanto ciò influisce notevolmente sul livello di anonimato e privacy che si avrà durante l’utilizzo del servizio. Alcuni dei dati più comuni che i fornitori possono conservare includono:
  • Indirizzo IP
  • Attività di navigazione
  • Utilizzo dei dispositivi
  • Dettagli di pagamento
  • Registri di connessione e disconnessione
Tutti i dati che il tuo provider conserva riducono il tuo livello di anonimato. Per questo, è fondamentale scegliere un servizio che non conservi alcun registro. È possibile ottenere maggiori dettagli su questo aspetto consultando la politica sulla privacy del fornitore e leggendo il testo «in miniatura».

VPN gratuita o a pagamento?

Sebbene i servizi VPN gratuiti abbiano il loro spazio sul mercato, non sono affidabili come quelli a pagamento. Dopo tutto, pensaci: come potrebbero acquisire un’ampia selezione di server, offrire robuste funzionalità di sicurezza e offrire ai clienti tutti i componenti aggiuntivi dei servizi a pagamento senza un afflusso di denaro?

La verità è che non possono. Spesso, i servizi VPN gratuiti hanno i propri secondi fini o semplicemente non offrono un servizio dello stesso livello dei fornitori a pagamento. Alcuni registrano la tua attività per i loro propri motivi, mentre altri mostrano annunci o vendono i tuoi dati a terzi in modo che possano inviarti annunci personalizzati.

In breve, pagare per un servizio VPN è un investimento che vale la pena fare. Meglio ancora, molti di questi servizi ora costano da €3 a €5 al mese e offrono sconti se si opta per un abbonamento a lungo termine.

Le VPN sono utili per il torrenting?

Torrenting Il torrenting implica l’uso della tecnologia peer-to-peer (P2P) per trasferire file su internet. Tuttavia, nonostante sia completamente legale, ha una pessima reputazione. Ma, la verità è che, finché si trasferiscono file che sono legalmente autorizzati, non c’è nulla di sbagliato. Ciò che è illegale è la pirateria, ossia l’atto di riprodurre e condividere illegalmente un file protetto dalle rigide leggi sul copyright. La ragione per cui è meglio condividere file tramite protocollo P2P con una VPN è che non si sa mai cosa possono contenere o da chi provengono questi file. Inoltre, se stai condividendo file che non potresti condividere, il tuo ISP non potrà scoprirlo, permettendoti di evitare di ricevere un avvertimento, una multa o, nei casi più gravi, di finire in prigione.

Ma, mentre grandi nomi come ExpressVPN, NordVPN e CyberGhost VPN consentono la condivisione via protocollo P2P, altri fornitori non la permettono. Quando si sceglie una VPN per il torrenting, verifica che adotti una politica «no log» e che offra una larghezza di banda illimitata ed elevate velocità di download.

Il superamento delle restrizioni locali e della censura

Oggigiorno, decine di paesi hanno una serie di leggi uniche sulla censura, alcune delle quali sono molto più severe di altre. In materia di internet, molti governi bloccano l’accesso a specifici siti perché questi non sono in linea con le loro opinioni religiose o politiche. Vengono bloccati anche i siti web pornografici e le piattaforme dei social, tra gli altri. Per fortuna, la maggior parte dei servizi VPN dispongono di server in diverse località in tutto il mondo, quindi è sufficiente connettersi ad un server localizzato in un luogo in cui il sito non è bloccato e accedere a tutti i contenuti desiderati.

Posso vedere Netflix con una VPN?

Netflix Original Migliaia di utenti da tutto il mondo utilizzano una VPN con il solo scopo di accedere a Netflix e ad altre piattaforme di video streaming. Tuttavia, come la maggior parte delle informazioni di questa lista, tutto dipende dal fornitore scelto. Benché Netflix sia disponibile in più di 100 paesi in tutto il mondo, un grande problema è che la disponibilità di programmi e i film varia da un paese all’altro a causa di complicati accordi di licenza. Fortunatamente, una VPN può essere d’aiuto.

Netflix e altre piattaforme come Hulu e BBC iPlayer bloccano gli utenti in base alla loro posizione, che viene identificata attraverso il tuo indirizzo IP. Per evitare blocchi o per guardare su Netflix un programma che sai essere disponibile solo in un determinato paese, basta connettersi ad un server in quella località.

Tuttavia, fai attenzione, perché Netflix si sta dimostrando sempre più efficace nel bloccare gli utenti che utilizzano una VPN. Infatti, la piattaforma è in grado blocca del tutto i server VPN. Detto questo, molti dei migliori servizi VPN saranno in grado di dirti esattamente quale dei propri server può sbloccare Netflix.

Le VPN funzionano su Android?

La risposta è si. Il tuo fornitore dovrebbe consentirti di connetterti alla tua VPN dal tuo dispositivo Android, ammesso che disponga di un’app dedicata. Comunque diffida dei servizi VPN Android gratuiti, poiché alcune ricerche suggeriscono che molte di queste app divulgano informazioni sugli utenti o contengono malware.

Le VPN funzionano su iOS?

Anche in questo caso puoi utilizzare una VPN su iOS, ma si applicano le stesse condizioni. Prima di scegliere una VPN, assicurati che il provider abbia un’app dedicata per iOS e che sia un’azienda affidabile.

Le VPN funzionano con Kodi?

Kodi è un altro strumento che richiede una connessione internet, quindi è ovvio che una VPN funzionerà con Kodi. Infatti, una VPN può aiutare a migliorare il livello di privacy durante lo streaming. E non solo! Una VPN può aiutarti ad accedere a contenuti a cui normalmente non potresti accedere a causa della tua posizione. Consente inoltre di eseguire lo streaming sicuro da componenti aggiuntivi senza doversi preoccupare di hacker e altre terze parti.

Le VPN funzionano su smart TV?

Come suggerisce il nome, la tua smart TV ha bisogno di una connessione internet in tempo reale per offrirti tutta la gamma completa delle sue sorprendenti funzionalità. Per questo motivo, è possibile utilizzare una VPN. Quando scegli una VPN per la tua smart TV, assicurati di sceglierne una che offra un’app per il tuo dispositivo. In caso contrario, alcune di esse forniscono istruzioni dettagliate su come configurare la VPN sul dispositivo stesso.

Come installare una VPN su un router

Express VPN Linksys WRT3200ACM Anche se puoi utilizzare una VPN con singoli dispositivi, tra cui Kodi e la tua smart TV, puoi anche configurarla direttamente sul router, il che ti consente di proteggere qualsiasi dispositivo connesso alla tua rete Wi-Fi. Una volta installata una VPN sul router, non è più necessario installarne una su ogni singolo dispositivo, a meno che non si intenda utilizzarla su un’altra connessione Wi-Fi lontano dalla propria abitazione o dalla propria azienda. Prima di poter installare la tua VPN sul router, è necessario assicurarsi che siano compatibili visitando il sito web del produttore del router. Quindi, occorre seguire i passaggi descritti sul sito web del proprio provider VPN in quanto questi differiscono in base al servizio. In genere, il processo di installazione avrà un aspetto simile a questo, anche se quest’ultimo può dipendere dal modello del router:
  1. Scarica il firmware VPN
  2. Assembla e collega il tuo router
  3. Collega il router a un computer
  4. Accedi al pannello di controllo del router
  5. Crea un nome utente e una password
  6. Clicca sulla scheda Aggiorna firmware
  7. Carica il firmware che hai appena scaricato per la tua VPN
  8. Inserisci il codice di attivazione dalla pagina di configurazione della tua VPN
  9. Clicca su Attiva

Come usare Tor con una VPN

Tor Come accennato in precedenza, la chiave per l’anonimato completo sta nell’utilizzare una VPN in combinazione con la rete Tor. Se vuoi usare questi strumenti insieme, tutto quello che devi fare è:
  • Abilitare la tua connessione VPN
  • Aprire il tuo browser Tor
Anche se con questa configurazione porterai la tua privacy ad un livello superiore, la stessa renderà la tua connessione a internet molto più lenta. Perciò, se hai intenzione di scaricare file di grandi dimensioni, potresti avere qualche problema.

Perdite di dati IP e kill switch

Le perdite di dati IP avvengono quando la tua VPN non nasconde il tuo indirizzo IP quando sei online. Ma, non è sempre colpa della tua VPN. Infatti, il tuo computer, browser e le varie app utilizzate possono contribuire a queste perdite. Fortunatamente, i migliori servizi VPN sono dotati di protezione contro le perdite IP e DNS. A parte questo, questi fornitori offrono un kill switch automatico che, come suggerisce il nome, «sopprime» automaticamente il tuo accesso a internet quando non è sicuro. Fondamentalmente, il tuo kill switch impedirà il caricamento della pagina del browser, finché la tua VPN non sarà di nuovo in funzione per criptare i tuoi dati. In questo modo si eviteranno anche eventuali perdite.

Quando dovrei usare una VPN?

Sono molti i casi in cui è necessario utilizzare una VPN. Alcune delle ragioni principali per l’utilizzo di una VPN includono:

  • Occultamento dei dati di navigazione da eventuali ficcanaso
  • Crittografia delle attività online
  • Occultamento della propria posizione per accedere a contenuti geograficamente limitati
  • Protezione quando ci si collega ad un hotspot Wi-Fi pubblico
  • Possibilità di fare acquisti online a prezzi più convenienti
Una VPN è lo strumento più semplice e migliore per aggiungere un ulteriore livello di privacy, anonimato e sicurezza alle tue attività online.

Quando non dovrei usare una VPN?

Tutto sommato, non c’è ragione per cui non si dovrebbe usare una VPN in qualsiasi momento. Infatti, l’utilizzo di una VPN ti proteggerà dal governo, dal tuo ISP, dagli inserzionisti e persino dagli hacker. Inoltre, associando una VPN al giusto software antivirus e cercando di evitare download sospetti, sarà possibile tenere se stessi e i propri dispositivi al sicuro da occhi indiscreti.

Per saperne di più su alcuni dei migliori fornitori VPN attualmente sul mercato, visita la nostra sezione recensioni. È inoltre possibile ottenere ulteriori suggerimenti relativi alla sicurezza online e alle VPN su Wizcase.com

Gray Williams
Gray Williams è un ingegnere esperto di dati e comunicazioni, oltre che scrittore, copy writer e redattore per diverse piattaforme, con un particolare interesse per la sicurezza informatica. Da molti anni lavora e continua la sua attività di ricerca nell’ambito delle VPN e di altri strumenti per la privacy online.