Una Utile Guida alla Sicurezza Online per Persone con Disturbi dello Spettro Autistico

Ultimo aggiornamento da Gray Williams il aprile 02, 2019

Ogni tipo di persona, di ogni estrazione sociale, può diventare vittima di bullismo e crimini virtuali, ma degli studi hanno dimostrato che coloro che presentano un disturbo dello spettro autistico (ASD – autism spectrum disorder) sono più suscettibili alle minacce online rispetto agli altri.

Un ASD è un disordine dello sviluppo che impatta il comportamento e la comunicazione. Chi presenta questo tipo di disturbo tende a vivere una vita relativamente normale, ma può necessitare di supervisione ed avere una capacità di giudizio non matura: tale tratto è stato identificato come pericoloso, se questi individui non vengono sorvegliati durante l’utilizzo dei loro dispositivi nel cyberspazio.

Non solo i bambini e gli adulti con ASD sono a rischio nelle interazioni con gli altri, ma possono anche sviluppare abitudini compulsive online e dipendenze da internet, e possono essere più influenzabili dall’esposizione ai contenuti inappropriati.

Tutti dovrebbero potersi sentire al sicuro online. Per questo motivo, è di estrema importanza assicurarsi di avere l’adeguato livello di sicurezza online ed essere sempre vigile quando si naviga su internet.

Per aiutarti a navigare facilmente e ridurre la tua vulnerabilità agli attacchi, dai un’occhiata alla nostra Guida alla Sicurezza su Internet per Individui con ASD. (Condividi su Facebook)

Tabella dei Contenuti:

Problematiche Online Comuni

Quando si naviga tra le onde del cyberspazio sono sempre presenti tantissime minacce. Diventa familiare con quali queste possano essere, e sii sempre attento: è sempre meglio avere pronto un piano d’azione. Qui di seguito abbiamo selezionato le problematiche online più comuni affrontate dagli individui con ASD ed forniamo dei suggerimenti su come prendere il controllo della situazione.

1 Cyber-bullismo

Il cyber-bullismo è diventato un fenomeno sempre più comune su internet, che colpisce soprattutto i bambini e gli individui con ASD. I bulli sfruttano le piattaforme digitali, come i social media o le chat e i forum su internet, per perseguitare ed intimidire le proprie vittime. A volte queste persecuzioni possono arrivare a diventare minacce e bullismo anche nel mondo reale. Chiunque può diventare obiettivo di un cyber-bullo, indipendentemente da età, estrazione sociale o stile di vita.

Secondo il Journal of Mental Health Research in Intellectual Disabilities, gli individui con disabilità intellettuali e dello sviluppo sono più soggetti a diventare vittime di cyber-bullismo. Anche l’alleanza anti-bullismo ha scoperto che gli individui con disabilità sono tendono ad essere più facilmente presi di mira dai cyber-bulli.

Si sta facendo sempre di più per comprendere il fenomeno ed aiutare a costruire un ambiente online più sicuro, ma il cyber-bullismo può a volte risultare difficile da riconoscere.

La comunicazione basata su messaggi a volte non riesce a far comprendere appieno il significato ed il contesto di ciò che viene scritto, a differenza di ciò che accade nelle conversazioni di persona. Per questo motivo, a volte può essere difficile capire se qualcuno stia intenzionalmente cercando di fare il bullo o si tratti solo di un’incomprensione. Ma se una persona ti invia messaggi con ingiurie, o cerca di intimidirti o metterti in imbarazzo online, allora stiamo senz’altro parlando di cyber-bullismo.

Gli Effetti a Lungo Termine del Cyber-bullismo

Il bullismo può danneggiare la tua autostima e/o influenzare la tua salute mentale. Le persecuzioni continue potrebbero portarti ad estraniarti dalla società, rendendoti difficile interagire con amici e familiari. Se non si affronta la questione, l’impatto del cyber-bullismo può essere profondo e duraturo.

Anche se ciò può far paura, non lasciare che ti impedisca di esplorare il mondo online e di formare amicizie importanti con persone conosciute su internet.

I Diversi Tipi di Cyber-bullismo

Il cyber-bullismo è una bestia dai tanti volti, il più comune dei quali sono i messaggi con insulti e minacce ricevuti via e-mail, messaggi di testo e chat istantanee; ma questi non sono i soli mezzi con i quali i bulli possono arrivare a te.

Different Types of Cyber Bullying Info GraphicIl cyber-bullismo potrebbe manifestarsi anche sotto questi aspetti:

  • Una persona che diffonde online pettegolezzi e dicerie su di te rivolgendosi ai tuoi amici o addirittura ad estranei.
  • Qualcuno che posta stati o commenti intesi ad umiliarti o ad alterare il modo in cui le altre persone ti percepiscono.
  • Minacce nei tuoi confronti tramite social media ed altri mezzi di comunicazione online.
  • Qualcuno che utilizza il proprio profilo online per condividere informazioni, video o foto di te senza il tuo consenso, o dopo che hai chiesto loro di non farlo.
  • Una persona che utilizza i tuoi profili e le tue informazioni online per svolgere attività di stalking nei tuoi confronti su internet e/o nella vita reale.
  • Qualcuno che entra nei tuoi account online o ti impersona con l’intenzione di sfruttare il tuo nome e la tua reputazione per diffondere contenuti inappropriati o dannosi. Questa pratica è meglio nota come “fraping”.

Come Prevenire il Bullismo Online

Le ricerche più recenti suggeriscono che il cyber-bullismo tende a verificarsi quando certi fattori di rischio non vengono disinnescati. Nonostante sia difficile fermare il cyber-bullismo, puoi comunque intraprendere delle azioni per non diventarne vittima.

Il primo passo è cambiare le impostazioni sui tuoi account sui social media in modo che i tuoi profili possano essere visualizzati solo da persone che conosci e di cui ti fidi. I cyber-bulli sono degli opportunisti di natura, quindi corri un maggior numero di rischi di subire persecuzioni online se gli estranei possono contattarti facilmente.

Allo stesso modo, dovresti evitare di aprire messaggi o accettare richieste di amicizia da persone che non conosci. La possibilità di nascondersi dietro lo schermo di un PC quando si attacca qualcuno spesso fa evitare al cyber-bullo le reali conseguenze delle sue azioni, e per questo tali individui di solito se la prendono con qualcuno che non fa parte del loro circolo sociale o qualcuno che non conoscono.

What to do if you're being cyberbullied

  • Rendi sicuri i tuoi account sui social media. Imposta i tuoi livelli di sicurezza su “solo gli amici”, in modo che gli estranei non possano visualizzare il tuo profilo o inviarti messaggi.
  • Non pubblicare informazioni personali online. Non pubblicare mai online informazioni quali posizione geografica, indirizzo, numero di telefono, scuola o posto di lavoro. Ciò ti aiuterà ad evitare il cyberstalking, e fa sì che i bulli non possano contattarti al telefono o dal vivo.
  • Se qualcuno ti invia messaggi con contenuti dannosi, non abboccare all’amo. L’obiettivo primario della maggior parte dei bulli è provocare nel loro obiettivo una reazione. Rispondendo potresti incoraggiarli a continuare, quindi è meglio evitare di dar loro proprio ciò che vogliono. Se non risponderai, la maggior parte dei bulli si arrenderà e ti lascerà in pace.
  • Segnalali. Se qualcuno sta facendo il bullo con te o con qualcuno che conosci, segnalali alla team di supporto della piattaforma. Un membro dello staff controllerà i suoi contenuti e deciderà se eliminarlo o permettergli di restare. Nei casi più gravi, potrebbero addirittura prendere provvedimenti contro il bullo come il blocco o il ban.
  • Blocca il bullo. Bloccare qualcuno farà in modo che questi non possa più accedere al tuo profilo e contattarti nuovamente in futuro.
  • Parlane. Fai sapere a un amico fidato o a un familiare ciò che ti sta succedendo. Potrebbe essere in grado di aiutarti o di darti un consiglio utile.

2 Comprendere il Contesto dei Messaggi Online

Incomprensioni Online

A volte è possibile fraintendere una situazione quando si comunica con qualcuno su internet. Non comprendere il contesto o il significato del commento di qualcuno è facile, senza gli indizi sociali presenti nelle interazioni nel mondo reale, e ciò può far sì che il discorso vada fuori strada o addirittura trasformarsi in un litigio.

Avoid Miscommunication onlineEcco le migliori pratiche per evitare le incomprensioni online:

  • Ricorda che non tutto ciò che leggi online è vero, e non tutte le persone con cui parli sono oneste.
  • Se non ti è chiaro qualcosa, chiedi dei chiarimenti prima di condividere la tua opinione.
  • Usa delle fonti affidabili per controllare la veridicità dei fatti e delle informazioni, in modo da non condividere o credere a qualcosa di inaccurato.
  • Ricorda di essere calmo ed educato quando sei sicuro che qualcuno si sta sbagliando, o se pensi che qualcuno si stia comportando maleducatamente.
  • Cerca gli admin e i moderatori dei gruppi e dei forum per mediare le discussioni nel caso in cui queste diventino scomode o antagonizzanti.

I forum online, come Talk About Autism, sono creati soprattutto affinché le persone con ASD possano socializzare e fare amicizia. La maggior parte di questi forum ha dei moderatori che monitorano le discussioni e sono addestrati per offrire la loro mediazione se si accorgono che c’è stato un fraintendimento.

12 Modi per Migliorare la Comunicazione sui Social Media e Online

Esistono tantissimi benefici che si possono trarre dall’uso dei social media, soprattutto per coloro con disturbi dello spettro autistico che potrebbero avere problemi nell’interagire con le persone. Sono comunque presenti degli aspetti negativi quando si parla di condividere le tue informazioni sui social network. Ecco 12 suggerimenti che possono migliorare la comunicazione online e minimizzare il rischio di essere frainteso.

  1. Non aggiungere mai il tuo capo, insegnante o supervisore sui social media. Se siete amici su internet, queste figure potranno vedere i contenuti sul tuo profilo, e ciò potrebbe portare a dei fraintendimenti sulla tua persona. Se l’opinione che hanno di te viene alterata da ciò che vedono, la cosa potrebbe danneggiare la tua opportunità di ricevere una promozione.
  2. Non fare mai dei commenti online sul tuo posto di lavoro, soprattutto se ti stai lamentando dello stesso. La cosa potrebbe sembrarti innocente, ma potrebbe costarti il tuo posto di lavoro se il tuo commento dovesse arrivare alle orecchie dei tuoi colleghi o dei tuoi superiori. Inoltre, la maggior parte dei luoghi di lavoro ora presenta regole contro la pubblicazione di post relativi al lavoro sui social media.
  3. Evita di postare contenuti che potrebbero impattare negativamente l’opinione che gli altri hanno di te, come lamentele rabbiose. I potenziali datori di lavoro di solito di cercheranno online, e potrebbero farsi un’opinione su di te in base a ciò che vedono, anche se questo non rappresenta davvero chi sei.
  4. Incontra un nuovo amico online sempre di giorno ed in un luogo pubblico. Dì sempre a qualcuno dove andrai, chi conoscerai ed eventuali cambi di location. Per essere ancora più attento, puoi portare con te un amico fidato o un familiare. Non andare in luoghi isolati e non andare a casa loro, e se percepisci qualcosa di “strano” vai via.
  5. Tieni le tue password al sicuro e non entrare sugli account e sui siti web altrui, anche se ne hai la possibilità. Le persone con ASD spesso si trovano vittima di manipolatori che chiedono loro di infrangere la legge o hackerare un PC, ma ciò è illegale.
  6. Non credere a tutto ciò che leggi online, e soprattutto sui social media. Tantissimi utenti diffondono su internet informazioni non corrette, o addirittura esagerano per far apparire le loro vite migliori di quanto siano in realtà.
  7. Non fare paragoni sui social media tra la tua vita e quella di qualcun altro: sui social media vedi solo i momenti migliori delle loro vite, e non le loro vere esperienze quotidiane.
  8. Sii sempre educato nelle tue conversazioni online ed evita i litigi, anche quando pensi che l’altra persona sia nel torto.
  9. Ricorda che la maggior parte degli utenti di internet considerano l’uso delle lettere maiuscole come l’equivalente digitale dell’urlare, ed in questo contesto, scrivere in lettere maiuscole può essere considerato maleducato.
  10. Puoi usare emojis, o emoticons, per esprimere meglio il contesto ed il significato delle tue parole. Ad esempio, aggiungere una faccina sorridente alla fine della frase farà capire che sei felice, o che hai una disposizione amichevole.
  11. Se qualcuno ti fa sentire a disagio o non al sicuro, lascia la situazione e bloccalo.
  12. Non inviare mai foto esplicite di te stesso e non inoltrare foto altrui. Se condividerai foto senza il consenso, o foto di minori, starai contravvenendo la legge e potresti subirne le conseguenze legali.

3 Diventare una Vittima di Truffe, Manipolazione o Hackeraggio

I truffatori e gli hackers fanno sfortunatamente parte della vita quotidiana. In parole povere, alcune persone hanno delle cattive intenzioni e desiderano manipolare gli altri per i propri vantaggi.

Questi si presenteranno come persone che vogliono diventare tue amiche, o anche potenziali partner romantici. Si impegneranno per costruire un rapporto e guadagnare la tua fiducia, per poi truffarti!

I truffatori, gli hacker ed i cyber-criminali adotteranno tali comportamenti per svariate motivazioni. Ad esempio, potrebbero cercare di convincerti ad inviar loro del denaro o commettere un crimine per loro conto.

Potrebbero anche cercare di fare phishing per ottenere le tue informazioni personali, come i dettagli del tuo passaporto, per rubare la tua identità o impersonarti online.

Le Migliori Pratiche per Evitare Truffe e Manipolazioni

  • Non dare a nessuno informazioni personali come indirizzo, numero di telefono o numero di documento di identità.
  • Non divulgare mai le tue informazioni bancarie o della tua carta di credito: ricorda che alcuni truffatori potrebbero contattarti facendo finta di essere impiegati della tua banca. La tua banca non ti contatterà mai per chiederti le tue informazioni private e personali.
  • Non dire a nessuno dove tu o i tuoi amici e familiari lavorate o andate a scuola.
  • Prendi in considerazione l’utilizzo di uno pseudonimo al posto del tuo vero nome: molti usano il loro nome ed il secondo nome, o si creano un nome completamente nuovo.
  • Fai attenzione quando ti accordi per incontrarti con persone conosciute online.
  • Non inviare soldi a chiunque tu conosca online: se qualcuno ti chiede di inviargli del denaro, probabilmente sta cercando di truffarti.
  • Non cliccare mai link a siti web che non riconosci, perché potrebbero portarti a siti che comprometteranno la sicurezza del tuo PC.

Se pensi di essere caduta vittima di una truffa, è importante che tu contatti immediatamente la tua banca e le forze dell’ordine dell’area in cui vivi.

Play it Safe

Il Center on Secondary Education for Students with Autism Spectrum Disorder ha creato un acronimo facile da ricordare per restare sempre sicuro online: Play it Safe.

PLAY IT SAFE with ASDPersonal information (informazioni personali) – non condividere mai le tue informazioni personali online.

Lascia che un amico o un familiare sappiano che qualcuno ti ha chiesto delle informazioni, o dì loro che non ti senti al sicuro.

Attachments (allegati) – ricorda che gli allegati e-mail potrebbero contenere malware che potrebbero danneggiare il tuo PC e reperire le tue informazioni personali. Non aprire allegati, a meno che non si tratti di file che aspettavi di ricevere da qualcuno di cui ti fidi.

Your feelings are important – (i tuoi sentimenti sono importanti). Se qualcuno ti mette a disagio o non ti fa sentire al sicuro, fermati e informane qualcuno.

Information (informazioni) – ricorda che non tutto ciò che leggi online è vero.

Take breaks (fai delle pause) dal tuo computer spesso per socializzare, fare movimento fisico e far riposare i tuoi occhi.

Spend (spendi) i tuoi soldi in modo sicuro. Non effettuare acquisti su link o negozi non familiari, e non inviare denaro ad altre persone.

Act politely (sii educato) e non dire online delle cose che non diresti nella vita reale.

Friends online should stay online (gli amici online dovrebbero restare tali) – se qualcuno ti chiede di incontrarlo, dì di no.

Enjoy yourself and have fun (divertiti)!

4 Esposizione a Contenuti Inappropriati

All’enorme quantità di informazioni utili ed interessante che puoi trovare online corrisponde un’uguale quantità di contenuti dannosi ed inappropriati nascosta tra le pagine del web. A volte potresti incappare in rappresentazioni di violenza, pornografia e contenuti illegali che la maggior parte delle persone preferisce evitare. Accedere ad elementi pedo-pornografici, anche solo per errore, potrebbe avere delle disastrose conseguenze legali, quindi è importante salvaguardarti da eventi del genere.

Strumenti per Bloccare i Contenuti Inappropriati

1. SafeSearch:

SafeSearch di Google blocca i contenuti espliciti dai risultati delle tue ricerche su Google. Anche se non è sempre preciso al 100%, esso ti permette di filtrare elementi come pornografia ed immagini esplicite quando usi Google sul tuo tablet, telefono o computer.

Come impostare SafeSearch:

Vai al pulsante “impostazioni” sulla tua homepage di Google, poi naviga alle impostazioni di ricerca. Sotto i filtri di SafeSearch seleziona la casella accanto all’opzione “attiva SafeSearch”, ed assicurati di cliccare su salva prima di proseguire con la navigazione.

Puoi dare un’occhiata alla guida a SafeSearch di Google per imparare come abilitare questo strumento sul tuo dispositivo Android o iOS.

2. Filtri di Internet:

I filtri di internet, come Net Nanny, monitorano i siti web ai quali accedi per bloccare i contenuti inappropriati. Puoi personalizzare gli elementi rilevati dai filtri, e mettere in lista bianca i siti web che consideri sicuri. Questo strumento è ottimo per gli adulti che desiderano filtrare i contenuti non adatti agli ambienti lavorativi e per i genitori che desiderano che i loro figli siano al sicuro anche online.

3. Blocchi di annunci pubblicitari e pop up:

Tutti noi abbiamo sentito storie di amici che si sono ritrovati qualcuno alle spalle mentre usavano un computer, solo per poi ritrovarsi un inaspettato pop-up dai contenuti espliciti comparire sullo schermo proprio in quel preciso momento. Puoi proteggerti da questi incidenti potenzialmente disastrosi installando sul tuo browser un blocco per pop-up e annunci pubblicitari.

4. Anti-virus e anti-malware:

Alcuni virus e malware causeranno la comparsa di pop up espliciti sul tuo schermo proprio nei momenti meno opportuni. Un buon anti-virus aggiornato non si limiterà solo a proteggere il tuo PC da dannose infezioni, ma ti proteggerà anche dai contenuti inappropriati.

5. Link:

Evita di cliccare sui link che non riconosci. Anche se il messaggio ti è stato inviato da un amico, non cliccare su un link che non riconosci o che non ti aspetti di ricevere. Spesso riceverai messaggi di spam attraverso messaggi di testo ed e-mail, che ti chiedono di cliccare su un link per accedere ad un sito web o addirittura ottenere un premio: così facendo, ti esporrai al rischio di cadere vittima di virus o truffe.

5 Sovraccarico Sensoriale su Internet

Per coloro che hanno una elevata sensibilità sensoriale, i dispositivi elettronici ed internet possono scatenare un sovraccarico pesante da sopportare. Rumori forti, luci troppo intense, musiche inaspettate, e video che si riproducono automaticamente sono solo alcuni degli irritanti elementi che possono causare un sovraccarico.

Per fortuna, ci sono alcune precauzioni che puoi prendere per minimizzare l’impatto sensoriale.

  • Regola i livelli di luminosità del tuo schermo ed investi in app che bloccano la luce blu sui tuoi dispositivi. Anche se queste app daranno al tuo schermo un leggero colorito arancione, bloccare la luce blu è un must per ridurre il peso che le retroilluminazioni pongono a carico dei nostri sensi. Le app in grado di bloccare la luce blu sono disponibili sulla maggior parte dei dispositivi, e ti aiuteranno ad addormentarti più rapidamente e a minimizzare l’impatto delle emicranie causate dalla sensibilità alla luce.
  • Disattiva la riproduzione automatica di video e audio sulle tue piattaforme di social media.
  • Investi in una tastiera ed un mouse “silenziosi” per ridurre i rumori causati dall’utilizzo di questi strumenti.
  • Il rumore bianco è un ottimo strumento per calmare i sensi. Può anche diminuire la percettibilità di rumori fastidiosi come il ronzio del computer, o il baccano dei tuoi vicini di casa! Puoi trovare dei video con rumore bianco gratuitamente su YouTube, oppure puoi anche acquistare un macchinario che produce rumore bianco.

6 Dipendenza da Internet

Il fascino e la facilità della socializzazione online possono avere un impatto negativo sulla spinta verso la socializzazione nel mondo reale. La dipendenza da internet è una problematica seria, ed affligge molte persone. Gli studi suggeriscono che gli individui predisposti verso comportamenti ossessivi corrono maggiori rischi di sviluppare una dipendenza da internet. Le persone con ASD e disordini di tipo ansioso sono particolarmente a rischio.

Non è difficile capire perché: internet rappresenta un santuario, un modo semplice per connettersi e comunicare con altre persone. Quando la maggior parte dei tuoi amici è su internet, è ovvio che preferisci passare il tuo tempo online.

Per la tua salute fisica e mentale, è importantissimo che tu sviluppi e coltivi relazioni nel mondo reale. Internet è uno strumento meraviglioso, ma se interferisce con la tua capacità di trascorrere del tempo con i tuoi amici e familiari, allora è arrivato il momento di prenderti una pausa.

Suggerimenti per Prevenire la Dipendenza da Internet

  • Imponiti un limite di tempo per stare al PC. Potresti impostare un timer per un’ora o due, e disconnetterti allo scadere del tempo.
  • Crea un orario o organizzati per trascorrere ogni giorno una certa quantità di tempo con amici e familiari, o per dedicarti ad hobby o esercizi fisici. Nella tua pianificazione potrai includere anche il tempo da trascorrere online, ma ricordati anche di inserire altre attività alle quali dedicarti nel tuo tempo libero.
  • Assicurati di aver completato tutti i tuoi compiti quotidiani (come le faccende domestiche) prima di entrare su internet.
  • Utilizza app specificamente progettate per ricordarti di fare una pausa. I programmi come Offtime monitorano il tuo utilizzo e ti mostrano quanto tempo ha trascorso sui social media. Puoi anche impostarli affinché blocchino certi siti, come Facebook, durante certe fasce orarie della giornata.
  • Imposta le tue notifiche relative ai social media sul tuo telefono o tablet su silenzioso: così facendo le riceverai quando effettuerai il login, e non quando sei immerso in altre attività.

Se pensi di esser vicino a diventare dipendente da internet, puoi chiedere al tuo medico di fiducia di indirizzarti verso un terapista con esperienza in grado di darti ulteriori consigli.

7 Come Proteggerti sui Social Network più Famosi

Qui di seguito abbiamo compilato una breve guida per far sì che tu sia al sicuro su alcuni dei più famosi social media attuali. Parliamo dei rischi che presentano e di come modificare le tue impostazioni del profilo per evitare contenuti espliciti, truffatori, profili falsi e cyber-bulli.

Facebook

FacebookQuali sono alcuni dei principali rischi di Facebook?

  • Su Facebook i truffatori possono facilmente chiederti l’amicizia ed ingannarti utilizzando profili falsi.
  • Vi è un rischio medio/alto di essere esposto a link che ti porteranno su siti web fasulli che cercheranno di ottenere le tue informazioni personali.
  • I cyber-bulli spesso usano Facebook per perseguitare le loro vittime.
  • Anche se è contro le politiche di Facebook, potresti venir esposto a post espliciti i cui contenuti non sono stati rilevati dai filtri di questo social network.
  • Certe funzioni, come la riproduzione automatica dei video, può causare un sovraccarico sensoriale.
  • I social media, in generale, possono provocare dipendenza.

Modi per proteggerti su Facebook

Non inserire informazioni personali:

Nonostante Facebook ti chieda nome e cognome, cerca di evitare di fornirglieli, se puoi. Molti usano uno pseudonimo o si inventano un cognome falso: ciò ti renderà più difficile da rintracciare su altre piattaforme o nella vita reale.

Evita di personalizzare troppo la sezione “su di me”: non dovresti mai dire a Facebook dove vivi, lavori o studi.

Se usi un dispositivo con GPS non permettere a Facebook di pubblicare la tua posizione. Il modo più semplice per far questo è non consentire a Facebook di accedere alle informazioni sulla posizione del tuo dispositivo. Di solito, puoi trovare questa impostazione sul tuo dispositivo andando su Impostazioni > Privacy > Serivizi di Geolocalizzazione.

Rendi il tuo account privato:

Assicurati che il tuo profilo sia privato in modo che solo i tuoi amici possano visualizzare i tuoi stati ed inviarti messaggi: ciò riduce il rischio di incorrere in atti di cyber-bullismo rendendoti padrone di decidere chi possa contattarti. Ricorda che gli sconosciuti potranno comunque leggere i commenti che scriverai sui post dei tuoi amici e sulle pagine pubbliche.

Come impostare i tuoi post su “solo amici”:

Una volta che avrai aperto la finestra di dialogo dello stato, clicca sul menù a tendina delle impostazioni per la privacy nella barra inferiore. Qui vi sarà scritto “amici” o “tutti”. Se impostato su “amici”, significa che solo i tuoi amici potranno vedere quel post; se invece è su “tutti”, cliccaci sopra e seleziona “amici” prima di postare il tuo stato.

Ecco come impostare il tuo profilo su “privato”:

Accedi a Facebook e seleziona la freccia in cima alla pagina nella barra della tua homepage. Da qui, vai su “impostazioni”.

Una volta caricata la pagina delle tue impostazioni, seleziona “privacy” nella barra laterale. Qui ti verranno mostrate due categorie di impostazioni per la privacy da modificare.

Sotto “le tue attività” troverai due opzioni per la privacy. Per il miglior livello di privacy ottenibile, impostale come segue:

Chi può vedere i tuoi post futuri?

Questa impostazione dovrebbe essere su “amici”, in modo che gli estranei non possano vedere i tuoi aggiornamenti di stato.

Vuoi limitare il pubblico dei post che hai condiviso con gli amici degli amici o con tutti?

Se decidi di modificare questa impostazione a “amici”, la privacy di tutti i tuoi post passati verrà aumentata, e gli estranei non saranno più in grado di vederli.

Ora puoi decidere come le persone possano trovarti e contattarti.

Chi può inviarti richieste di amicizia?

Se non ti interessa ricevere richieste di amicizia da estranei, imposta questa opzione su “amici di amici”. Sfortunatamente, non esiste un modo per impedire completamente che altre persone ti inviino richieste, ma in tal modo potrai limitare le richieste da sconosciuti.

Chi può vedere la tua lista degli amici?

Chi può vedere la tua lista degli amici?

Chi può cercarti usando l’indirizzo e-mail che hai fornito?

Se temi che degli sconosciuti o dei bulli possano rintracciarti tramite il tuo indirizzo e-mail o numero di telefono, imposta questa opzione su “amici”. I tuoi amici possono già contattarti tramite il tuo account, quindi non avranno alcun motivo per cercarti con altri mezzi.

Desideri che i motori di ricerca esterni a Facebook reindirizzino al tuo profilo?

Se selezioni “si” per questa opzione, le persone potranno trovare la tua pagina su Facebook cercando il tuo nome su Google o altri motori di ricerca. Per una migliore protezione, seleziona “no”.

Ora vai alle impostazioni “Diario e aggiunta di tag” per terminare il procedimento.

Chi può scrivere sul tuo diario?
Per evitare che gli estranei (ed i bulli) possano postare sul tuo diario, puoi impostare questa opzione su “solo io”. Ciò, però, impedirà che anche i tuoi amici possano scrivere sul tuo diario.

Chi può vedere cosa pubblicano gli altri sul tuo diario?
Di nuovo, imposta questa opzione su “amici” o “solo io”, in modo che gli estranei non possano vedere i post che gli altri scrivono sul tuo diario.

Evita i cyber-bulli:

Se qualcuno utilizza Facebook per perseguitarti, puoi evitare che questi vedano il tuo profilo o ti contattino. Tutto ciò che devi fare è andare sul loro profilo e selezionare il menù a tendina rappresentato dai tre punti in cima alla loro pagina, quindi selezionare “blocca”. Ora non potranno trovare o visualizzare il tuo profilo, e non sapranno che li hai bloccati.

Evita i contenuti inappropriati:

In genere, il software per la censura di Facebook filtra i contenuti inappropriati e dannosi affinché non compaiano sulla tua bacheca; ma puoi anche impostare Facebook affinché filtri i commenti che contengono certe parole specifiche.

Torna alle tue impostazioni per “Diario e aggiunta di tag”, e sotto la categoria diario, seleziona “Nascondi i commenti che contengono determinate parole dal diario”. Da qui potrai creare una lista di parole, frasi o addirittura emoji che non vuoi vedere sulla tua bacheca, e Facebook bloccherà questi elementi.

Fai una pausa:

Puoi uscire da Facebook quando vuoi, ma se desideri un periodo di assenza più lungo, puoi disattivare temporaneamente il tuo account. Tutti i tuoi amici, i tuoi post e le tue foto resteranno sul tuo profilo anche quando sarai andato via, ma nessun altro potrà vedere il tuo account o inviarti messaggi fino al tuo prossimo accesso. Questa soluzione è perfetta se vuoi prendere una pausa da questo social media, ma non vuoi comunque perdere tutti i tuoi contenuti ed i tuoi ricordi.

Per disattivare il tuo account, vai su impostazioni > generali > gestisci account > disattiva il tuo account.

Twitter

Twitter

Quali sono alcuni dei principali rischi di Twitter?

  • Twitter è un punto di ritrovo per attivismo sociale e politico, e a volte ciò può diventare troppo travolgente ad angosciante.
  • A causa dei diversi contenuti di Twitter, a volte potresti trovare dei tweet espliciti o che potrebbero causarti reazioni avverse.
  • Spesso le discussioni su Twitter danno vita a litigi accesi, e gli utenti rischiano di diventare vittime di cyber-bullismo.
  • Come tutti i social media, anche Twitter può causare dipendenza ed interferire con la tua vita quotidiana.

Modi per proteggerti su Twitter

Rendi privati i tuoi tweet:

Quando imposti il tuo profilo su Twitter e i tuoi post in modo che siano privati, questi saranno visibili solo ai tuoi followers. Quando una nuova persona ti segue, Twitter ti invia una notifica chiedendoti di approvare la sua richiesta, oppure negarla. Gli account che ti seguono da prima che tu proteggessi i tuoi tweet potranno continuare a vedere e ad interagire con il tuo profilo, a meno che non decida di bloccarli.

Per proteggere i tuoi tweet vai sulla sezione relativa alla privacy e alla sicurezza dei tweet e seleziona la casella accanto a “proteggi i miei tweets”. Clicca il pulsante salva, inserisci la tua password per confermare, ed avrai finito!

Inoltre, puoi fare in modo che le persone dotate dei dettagli del tuo contatto non possano trovarti su Twitter a meno che tu non li segua per primo. Dalla pagina relativa alle impostazioni di privacy e sicurezza, deseleziona entrambe le opzioni di scoperta.

Evita che Twitter pubblichi le informazioni sulla tua posizione:

Ogni volta che scrivi un tweet, potrai scegliere se permettere a Twitter di pubblicare la tua posizione. Di default Twitter non condividerà la tua posizione, a meno che tu non abbia già selezionato questo servizio.

Evita i cyber-bulli:

Bloccare qualcuno su Twitter funziona più o meno come su Facebook: dal loro profilo clicca sull’icona “vedi di più” (i tre puntini verticali) e seleziona “blocca” dal menù. Quindi, clicca nuovamente “blocca” per confermare. Le persone che blocchi non potranno vedere o seguire il tuo profilo su Twitter. Twitter non invierà loro una notifica quando bloccherai qualcuno, ma se visiteranno il tuo profilo, Twitter mostrerà loro un messaggio informandoli che sono stati bloccati.

Evita i contenuti inappropriati:

Il modo migliore per assicurarti di evitare contenuti che non vuoi vedere su Twitter è seguire solo persone che sono già tue amiche, e visualizzare i contenuti presenti sul tuo feed principale. Se ti cimenterai nella funzione di ricerca di Twitter, o cercherai certi hashtag, ti renderai più vulnerabile verso contenuti inappropriati. Di default, Twitter ti mostrerà un avviso prima di farti visualizzare contenuti che considera non appropriati ad ambienti lavorativi, ma questo sistema non è preciso al 100%, visto che alcuni contenuti potrebbero comunque oltrepassare i filtri di Twitter.

Fai una pausa:

La disattivazione del tuo account su Twitter è una soluzione più permanente, quindi se decidi di prenderti una breve pausa, è meglio che tu faccia un semplice logout. Puoi disattivare completamente il tuo account, ma facendo ciò perderai il tuo profilo ed i tuoi tweet passati.

Instagram

InstagramRendi il tuo account privato:

Quando pubblichi foto personali su Instagram, la tua privacy assume ancora più importanza: di certo non desideri che degli estranei possano accedere alle tue informazioni personali, o utilizzare le tue foto per impersonarti online.

Per fortuna, puoi fare in modo che tutti i tuoi post siano privati, e che quindi solo i tuoi amici possano visualizzarli. Per far ciò, vai sulle tue impostazioni, seleziona privacy dell’account, e attiva “account privato”.

Ora le persone dovranno inviarti una richiesta per seguirti, e dovrai approvarla prima che essi possano vedere i tuoi post, i tuoi follower, e la lista delle persone che segui. Se qualcuno aveva già iniziato a seguirti prima che rendessi privato il tuo account, e non vuoi che veda più i tuoi post, dovrai bloccarlo.

Evita i cyber-bulli:

Proprio come nella maggior parte delle piattaforme di social media, Instagram ti permette di bloccare qualcuno facilmente. Tutto ciò che devi fare è andare sul profilo di chi vuoi bloccare, toccare il pulsante “vedi di più” (rappresentato dai puntini) e selezionare “blocca”.

Una volta che avrai bloccato qualcuno, questa persona non potrà più vedere il tuo profilo, il tuo post o le tue storie. Quando blocchi una persona, Instagram non gli invia alcun tipo di notifica.

Evita i contenuti inappropriati:

Anche se pubblicare contenuti espliciti va contro le politiche di Instagram, purtroppo alcuni utenti condividono ugualmente post potenzialmente dannosi. Proprio come su Twitter, il modo migliore per evitare contenuti espliciti è visualizzare solo i profili di persone che conosci, ed evitare l’esplorazione degli hashtag.

Fai una pausa:

Se vuoi fare una pausa dal tuo account su Instagram, accedi da un browser desktop o mobile, naviga sul tuo profilo, e clicca su “modifica profilo”. Seleziona “disabilita temporaneamente il mio account” e segui le istruzioni. Tutti i tuoi follower e contenuti resteranno al loro posto fino a quando sarai pronto a rientrare sul social network.

8 Appuntamenti Online e ASD

Gli appuntamenti online sono un ottimo modo per conoscere nuovi amici e potenziali interessi romantici, ma comportano anche dei pericoli seri. Le persone che conoscerai tramite i siti online per appuntamenti potrebbero non essere chi si dichiarano, e la pratica del catfishing è sempre attuale.

Un “catfish” è una persona che crea un profilo su un sito per gli appuntamenti online, attraverso il quale farà poi finta di essere un’altra persona. Potrebbe utilizzare un nome falso, foto false, ed inventarsi una vita falsa, in modo da farti pensare che sia una persona diversa da chi è realmente.

Online Dating Safety

Potrebbe essere difficile capire se qualcuno sta cercando di fare il “catfish” con te, quindi approfondiamo i modi in cui potrai assicurarti che una persona ti stia dicendo la verità sulla sua identità.

Se stai usando internet per cercare degli appuntamenti online, ricorda:

  • Parla con la persona ed impara a conoscerla prima di acconsentire ad un incontro dal vivo.
  • Chiedi di parlare con loro tramite video chat o al telefono, per verificare che siano la stessa persona che hai visto in foto. Una persona onesta sulla sua identità difficilmente avrà qualcosa da ridire, e sarà felice di sapere che anche tu sei chi dici di essere.
  • Chiedi se puoi aggiungerli su Facebook, se hai un account. In tal modo potrai controllare il loro profilo, le foto e gli amici per capire meglio con chi hai a che fare.
  • Accetta di incontrarli in un luogo pubblico ed affollato, come un caffè, durante il giorno. Assicurati che attorno a te siano presenti persone che possano aiutarti se dovessi trovarti nei guai, e prendi in considerazione l’idea di chiedere ad un amico o familiare di restare nei paraggi.
  • Non fornire mai informazioni personali come il tuo indirizzo, anche se si offrono di venirti a prendere per uscire insieme.
  • Assicurati di poterti recare ed andare via dal punto di incontro in modo sicuro ed indipendente. Non vuoi dover dipendere da loro per tornare a casa, soprattutto se non ti convincono.

9 Come Capire se Una Persona è Davvero Chi Dice di Essere

La maggior parte delle persone che conoscerai online sarà onesta, ma alcuni useranno dei profili falsi progettati appositamente per attirarti e manipolarti. Per fortuna, di solito puoi verificare se una persona sta dicendo la verità sulla sua identità grazie ad alcuni, semplici trucchetti.

Verifica la loro foto:

Controlla se la loro foto del profilo è di una persona reale.

Se le altre fotografie presenti sul loro account mostrano la stessa persona, è possibile che stiano dicendo la verità. Puoi salvare una di queste foto sul tuo PC ed utilizzare la ricerca di immagini inversa di Google per vedere se questa foto appare anche su altri siti online.

Se appare in un sacco di siti, è possibile che stiano usano una foto profilo rubata; ma se appare solo sul loro profilo, è probabile che la foto sia davvero loro.

Controlla la quantità dei loro amici:

Hanno altri amici sul loro profilo? Se sei l’unico amico che hanno, è probabile che stiano usando un profilo falso per prenderti di mira.

Se hanno altri amici, questi postano qualcosa sul diario di questa persona che faccia intendere l’esistenza di un rapporto anche nel mondo reale? Se la risposta è negativa, è possibile che stiano usando un profilo falso per attirare diversi obiettivi che non hanno mai visto prima in vita loro.

Controlla i loro post ed aggiornamenti di stato:

I loro aggiornamenti di stato sono regolari, riguardano la loro vita quotidiana? O pubblicano soprattutto link e pubblicità? Se è così, è probabile che stiano usando un profilo falso per truffare le persone o cercare di vendere loro qualcosa.

Segretezza:

Ti hanno detto di non parlare di loro con nessun altro? Se è così, è molto probabile che abbiano cattive intenzioni e non siano dei veri amici.

Denaro:

Ti hanno chiesto denaro, o ti hanno detto che sono in una brutta situazione ed hanno bisogno di un aiuto economico? Se questo è il caso, è probabile che stiano facendo finta di esserti amici per truffarti.

Se sospetti che un tuo amico virtuale non sia chi ti dice di essere, dovresti subito smettere di interagire con lui e bloccarlo.

10 Segnali che Qualcosa Possa Essere Sbagliato Online

Se ti senti infastidito, a disagio o non al sicuro, forse qualcosa non va per il verso giusto nella tua vita virtuale. Devi assolutamente dare ascolto a queste tue sensazioni, e prendere le distanze dalla situazione prima che diventi troppo pesante. Forse dovrai bloccare la persona che non ti sta facendo sentire al sicuro, o chiedere aiuto a una terza persona, come un familiare o un rappresentante delle forze dell’ordine.

Se uno dei tuoi amici virtuali dice qualcosa un giorno, e si contraddice quello seguente, è possibile che non stia dicendo la verità sulla sua identità. Puoi usare i suggerimenti sopra elencati per assicurarti che le informazioni siano coerenti, e se non lo sono, dovresti prendere in considerazione l’idea di rimuoverli dalle tue amicizie online.

Il cyber-bullismo è comune sui social media, e se qualcuno si comporta con te o con altri in modo crudele, non dovesti perdere il tuo tempo ad interagire con loro. Dovresti segnalare i loro commenti cattivi agli amministratori del sito web, quindi bloccarli per far sì che non possano contattarti in futuro.

Se qualcosa sembra troppo bello per essere vero, allora probabilmente non lo è. Fai sempre attenzione alle possibili truffe: ricorda che se uno sconosciuto o un amico ti offrono qualcosa che puzza un po’ di bruciato, come un premio per cliccare su un link da loro inviato, dovresti evitare di farlo a tutti i costi. Se non sei sicuro, puoi fare una ricerca su Google o anche su Snopes.com per scoprire se si tratta di una truffa.

11 Modi per Incrementare la Sicurezza Online del tuo Bambino

Proteggere un bambino dai pericoli di internet dovrebbe essere una cura di ogni genitore, indipendentemente da eventuali problematiche presentate dal bambino. Abbiamo messo insieme i seguenti suggerimenti per consigliarti come tenere al sicuro il tuo bambino durante la navigazione su internet, e per evitare alcuni dei pericoli che si possono incontrare online.

Ways to Improve your childs internet safety

  • Posiziona il PC di famiglia in uno spazio comune, come il salotto o la cucina: in tal modo potrai regolarmente controllare e tenere sott’occhio cosa succede nei circoli sociali online del tuo bambino.
  • Crea dei promemoria visivi e dei poster contenenti suggerimenti per la sicurezza su internet, ed appendili nella stanza dove si trova il tuo PC. Questa può essere un’ottima opportunità per sederti con tuo figlio e parlare della sicurezza su internet, e per decidere insieme le regole da seguire.
  • Educa tuo figlio alla sicurezza online, assicurati che capisca i concetti che gli spieghi, e ripassate regolarmente le linee guida da seguire.
  • Immaginate con tuo figlio i diversi scenari che potrebbero presentarsi online, in modo da insegnargli come reagire ai pericoli online in un ambiente sicuro. Puoi creare un account sulla piattaforma che usa, ed utilizzarlo per inviargli messaggi in modo che capisca quali azioni intraprendere tramite la pratica.
  • Crea ed implementa degli orari relativi all’utilizzo di internet per evitare le complicazioni di un’eventuale dipendenza da internet. Puoi anche aggiungere a questo orario attività quotidiane come gioco o studio, in modo da avere un quadro completo.
  • Metti da parte tutti i dispositivi elettronici almeno due ore prima dell’ora in cui mandi tuoi figlio a dormire, in modo da migliorare la qualità del suo sonno.
  • Usa i filtri per i contenuti di internet, come Net Nanny, per monitorare e limitare le attività di navigazione di tuo figlio. Questi programmi limiteranno anche il loro accesso a contenuti inappropriati e a qualsiasi altro sito web tu decida di bloccare.
  • Installa dei browser per internet a misura di bambino, come KidSplorer: questi sono visivamente piacevoli per i bambini, e rendono più sicuro l’uso di internet da parte loro. Proprio come succede nel caso dei filtri per i contenuti, essi potranno accedere solo ai siti web da te specificati, e bloccheranno l’accesso a internet durante gli orari predeterminati.
  • Stabilisci un piano con loro su cosa dovrebbero fare nel caso in cui incontrassero un cyber-bullo, come dovrebbero reagire e con chi dovrebbero parlarne.
  • Chiedi loro, in modo non opprimente, dei loro amici online e degli argomenti di cui parlano, proprio come chiederesti loro come è andata la loro giornata.
  • Dai loro una lista delle informazioni che non devono divulgare su internet, come il loro nome completo, la data di nascita, l’indirizzo e il nome della loro scuola.

12 Conclusioni

Riassumendo, il punto focale di questa guida è assicurare che tu sia sicuro durante l’uso di internet. Concentrati sull’incorporare misure di sicurezza online più rigide e più elevate precauzioni. Informati e sii sempre attento a ciò che accade intorno a te.

Gli individui con ASD sono più suscettibili alle minacce online rispetto agli altri, quindi è addirittura più importante seguire i nostri consigli per essere al sicuro online.

I cyber-bulli ed i truffatori online saranno sempre presenti: è quindi compito tuo farti valere e prendere le precauzioni necessarie per proteggerti dai loro attacchi.

Segui i nostri passaggi per capire quando qualcosa non va come dovrebbe e per proteggerti quando ti senti minacciato.

Questa Guida alla Sicurezza su Internet ha messo in evidenza le aree critiche alle quali dovresti fare attenzione, e come affrontare le possibili minacce. Goditi il tuo tempo trascorso online, ma ricorda: sii sempre attento e tieni gli occhi aperti!

Fine

Gray Williams
Gray Williams è un ingegnere esperto di dati e comunicazioni, oltre che scrittore, copy writer e redattore per diverse piattaforme, con un particolare interesse per la sicurezza informatica. Da molti anni lavora e continua la sua attività di ricerca nell’ambito delle VPN e di altri strumenti per la privacy online.